Entrevista Carlo Giuffre. Iniciativa "Nebrodi Albergo Diffuso". Sicilia (Italia)

11 de febrero de 2015 por Admin

Una porzione di territorio dei Nebrodi comprendenti dieci comuni, quali: Capri Leone, Longi, Floresta, Galati Mamertino, San Salvatore di Fitalia, Ficarra, San Marco d’Alunzio, Mirto, Frazzanò e Ucria, aventi caratteristiche simili e/o complementari tra loro hanno maturato un disegno strategico unitario volto ad avviare congiuntamente un progetto complesso che prevede diversi interventi finalizzati a creare le condizioni fisiche e ambientali volte alla realizzazione dell’ospitalità diffusa dei Nebrodi.Consapevoli che oggi infatti, nel sistema dell’ospitalità, alla ricchezza e alla diversità di offerte del passato (dalle locande e dalle taverne medievali ai relais de poste, agli ostelli, alle pensioni…), si è lentamente sostituita una gamma di strutture sempre più simili tra loro quanto a stile e modello gestionale, e quanto a standard di servizio. Si tratta dunque di cogliere tali mutamenti ed attrezzare il territorio dei Nebrodi in tale prospettiva.

In tal senso l’obiettivo che con tale intervento si persegue è quello di promuovere un turismo sostenibile attraverso l’albergo diffuso in senso lato che è infatti una ospitalità turistica che permette la riqualificazione del centro storico e dei borghi frazionali, che soffrono del fenomeno dello spopolamento, attraverso il recupero dell’ambiente urbano rivalutando, nel contempo, le identità, la cultura e le tradizioni.

Il crescente patrimonio edilizio disabitato presente nei dieci comuni, può essere aggredito ed attenuato mediante un preciso intervento volto a ridare una nuova destinazione d’uso al patrimonio edilizio in disuso che nella maggior parte dei casi contribuisce ad arricchire e caratterizzare l’identità dei luoghi. Nello specifico si tratta di creare le condizioni fornendo servizi mirati all’accoglienza turistica e all’ospitalità contestualmente al riutilizzo a fini ricettivi del patrimonio edilizio disabitato.

L’Albergo Diffuso dei Nebrodi è quindi un modello di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale. Per dare vita all’Albergo Diffuso infatti non è necessario costruire niente, dato che ci si limita a recuperare e a mettere in rete quello che esiste già. Inoltre l’AD funge da “presidio sociale” e anima i centri storici stimolando iniziative e coinvolgendo i produttori locali considerati come componente chiave dell’offerta. L’ AD dei Nebrodi, infatti, grazie all’autenticità della proposta, alla vicinanza delle strutture che lo compongono, e alla presenza di una comunità di residenti riuscirà a proporre più che un soggiorno, uno stile di vita.

E poiché offrire uno stile di vita è spesso indipendente dal clima l’AD che si intende organizzare nei Nebrodi faciliterà fortemente la destagionalizzazione dei flussi turistici e potrà generare indotto economico nonché offrire un contributo per evitare lo spopolamento dei comuni in cui sarà allocato.

L’albergo diffuso dei Nebrodi può essere definito come un albergo orizzontale, situato nei centri storici dei dieci comuni di cui sopra, con camere e servizi.

In definitiva i punti di forza dell’idea di Albergo diffuso dei Nebrodi sono:

  • Capacità di soddisfare i desideri di un’utenza esigente ed esperta: si tratta di persone che hanno il gusto di viaggiare, che hanno trascorso vacanze e soggiorni in diversi tipi di alberghi e località, e che sono alla ricerca di formule innovative e al tempo stesso in grado di rispecchiare il più possibile le caratteristiche del luogo.
  • Rispetto dell’ambiente culturale: la proposta dell’albergo diffuso dei Nebrodi si muove direttamente nella direzione di recupero del patrimonio artistico e culturale dei centri dei dieci comuni, perseguito con tenacia sia dalla politiche comunitarie che da quelle nazionali e locali, e mostra di possedere la potenzialità per incrementare il reddito e l’occupazione dei piccoli centri, per mantenere o incrementare la popolazione, senza per questo intervenire contaminando la cultura, l’ambiente, l’identità dei luoghi. L’albergo diffuso dei Nebrodi può avere la funzione di “animatore” culturale ed economico dei dieci centri storici in cui verrà ad allocarsi, con l’apertura dell’albergo diffuso, che utilizza la “reception” anche come “ufficio informazioni” delle località, i dieci centri storici possono rivitalizzarsi mantenendo al loro interno una complessità di funzioni, residenziale, commerciale, artigianale.
  • Autenticità: a differenza degli alberghi tradizionali, l’albergo diffuso dei Nebrodi permetterà ai turisti di vivere l’esperienza di un soggiorno in case e palazzi progettati per essere vere abitazioni, con aspetti strutturali, quali muri, spazi, infissi, arredi ed impianti diversi da quelli progettati per “turisti”.
  • Articolazione della proposta: il turista che si indirizza verso l’albergo diffuso dei Nebrodi ha a sua disposizione un vasta gamma di scelte tutte offerte dallo stesso operatore ricettivo. Il prodotto “albergo diffuso” è di per sé differenziato in termini di diverso livello di comfort delle varie unità abitative, diversa distanza dal centro, diverse caratteristiche architettoniche degli edifici e consente una politica di differenziazione (anche di prezzi) con l’intendimento di rivolgersi con proposte diverse a differenti fasce di utenza.
  • Originalità-Novità della proposta: una soluzione ricettiva in gran parte originale comporta una maggior visibilità ed offre numerosi vantaggi in termini di strategia di posizionamento nel mercato turistico.
  • Servizi alberghieri: l’albergo diffuso dei Nebrodi garantirà tutti i servizi alberghieri, dal ristorante alle sale comuni, alla piccola colazione eventualmente servita anche in camera; e quindi alloggio, vitto e servizi accessori. Inoltre la dimensione complessiva dell’albergo diffuso permette di personalizzare i servizi, di aumentare il coinvolgimento degli ospiti, di avviare il processo di fidelizzazione e di sviluppare il passaparola.
  • Stile gestionale: si caratterizza nell’universo ricettivo per l’atmosfera originale, per le modalità di erogazione dei servizi e per il suo collegamento con il territorio. L’albergo diffuso dei Nebrodi avrà uno stile unico perché rispecchia contemporaneamente la personalità di chi lo ha voluto e lo spirito del territorio. La gestione ha l’obiettivo di offrire un’esperienza legata al territorio anche nei tempi e nei ritmi del servizio, oltre che nei servizi e nei prodotti anche tipici del territorio offerti.
556 Vistas
1 Le gusta

Categorías

Europa